Lampascioni

By : | Commenti disabilitati su Lampascioni | On : febbraio 12, 2017 | Category : I Lampascioni

I Lampascioni - la cucina pugliese

Sono tanti i prodotti agroalimentari della Puglia e tra questi non possono mancare i Lampascioni!

I Lampascioni, detti anche cipolla canina, cipollaccia turchina, cipollaccio col fiocco o giacinto dal pennacchio, sono un grande classico della tradizione pugliese.

E’ uno degli ortaggi più antichi e caratteristici del Salento ma sono diffusi anche nel resto della Puglia e in Basilicata.

Nonostante la coltivazione di questo bulbo si adatti a diversi terreni e condizioni climatiche, i lampascioni rimangono tutt’oggi poco conosciuti e utilizzati nelle cucine italiane!

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

La pianta dei lampascioni, nome scientifico Muscari Comosum, appartiene alla famiglia delle Liliaceae.

Il nome è dovuto ad un medico greco di Bisanzio, tale Oribazio, e fin dall’antichità questo bulbo, ricercato sia per le sue proprietà benefiche per lo stomaco e per lo svuotamento dell’intestino, sia per i suoi presunti effetti afrodisiaci, ebbe un posto di rilievo nei trattati di medicina nonché nelle diete proposte dai padri della medicina, da Discoride Pedanio a Galeno.

Per gli stessi motivi venne esaltato anche dal poeta latino Ovidio, che ne consigliava l’uso nelle arti amatorie, stabilendone, anzi, una graduatoria di merito stilata in base alla provenienza: i migliori, a suo giudizio, erano quelli di Megara, seguiti da quelli della Libia, ultimi erano considerati quelli della Daunia.

Graduatoria di merito pienamente avallata anche dal naturalista Plinio il Vecchio, il quale nella sua Naturalis Historia confermava che “i bulbi di Megara stimolavano al massimo grado il desiderio amoroso“.

Ed il bulbo rosso era così valorizzato che i Romani nei pranzi nuziali erano soliti offrirlo come cibo augurale per i suoi poteri afrodisiaci!

Tale consuetudine non poteva non comportare grossi movimenti di tal prodotto sia per mare che per terra ed una conseguente speculazione da parte dei mercanti, per impedire o almeno frenare la quale, l’Imperatore Diocleziano nel 301 d.c. fu costretto fissarne per legge il prezzo.

 

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

Lampascioni - la cucina pugliese

CARATTERISTICHE:

Il bulbo, che è la parte commestibile della pianta, è simile ad una piccola cipolla e si sviluppa ad una profondità che varia dai 10 ai 20 centimetri.

Presentano fiori violacei che sbocciano in primavera fino alla fine dell’estate mentre i bulbi, di colore biancastro, hanno un sapore amarognolo e si raccolgono 4 o 5 anni dopo la semina, a fine estate inizio autunno.

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

 

PROPRIETA’:

I lampascioni sono ricchi di flavonoidi, componenti sulfurei con potenzialità antitumorali, potassio, calcio e fosforo ed altri preziosi Sali minerali.

Ai lampascioni vengono riconosciute inoltre proprietà lassative, diuretiche ed emollienti e sono caratterizzati da un basso apporto calorico; le sostanze in esso contenute hanno diverse proprietà, tra le quali quella di abbassare la pressione sanguigna, diminuire la percentuale di grassi nel sangue e prevenire la formazione di trombi.

Hanno proprietà digestive perchè stimolano l’appetito, attivano le funzioni digestive ed hanno un effetto anti infiammatorio.

Contengono mucillagini, ovvero sostanze che al contatto con l’acqua si gonfiano e producono una sostanza viscosa. Una volta ingerito questo composto apporta benefici al nostro intestino in quanto ha proprietà emollienti e rinfrescanti

Hanno un buon contenuto di composti solfurei con potenziali proprietà antitumorali che, insieme al contenuto di fibra alimentare, aiuta l’organismo a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo LDL.

Contengono quercetina, un flavonoide la cui attività apporta benefici alle vie respiratorie.

 

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

 

CONTROINDICAZIONI:

Sono controindicati negli individui con problemi al fegato, ai reni ed in caso di ulcera.

Chi consuma lampascioni può andare incontro anche a fastidiosi problemi di meteorismo in quanto la sua assunzione aumenta la fermentazione intestinale.

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

IN CUCINA:

In cucina i lampascioni, prima di essere aggiunto al piatto in preparazione, dovrà essere tenuto per diverse ore a bagno in acqua fredda affinchè perda l’eccesso di amaro che lo renderebbe sgradevole al palato, va possibilmente evitato anche il contatto con la pelle delle mani per la tendenza del lampascione ad annerirla.

 

In Puglia, i lampascioni, sono immancabili per la tradizione di questa regione: ecco alcune ricette del mio sito!

LAMPASCIONI LESSI

LAMPASCIONI SOFFRITTI

LAMPASCIONI FRITTI (senza pastella)

Inoltre sono ottimi per frittate di ogni tipo o per accompagnare carni saporite come l’agnello (in questo caso dà il meglio di sé se cucinato in agrodolce).

La conservazione sott’olio dei lampascioni è molto utilizzata poiché permette di apprezzarne la bontà e fragranza nell’arco di tutto l’anno.

Per una conservazione ottimale, una volta puliti i bulbi, vi si pratica un’incisione alla base e li si fa bollire in acqua e aceto fino a che i lampascioni raggiungono una consistenza tenera; successivamente si ripongono in un vasetto di vetro con uno spicchio d’aglio, del pepe e del prezzemolo o mentuccia e si ricoprono di olio extra vergine di oliva.

˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙

Il lampascione è inserito nell’elenco dei P.A.T. di Puglia e Basilicata e protagonista della festa popolare della Madonna dei Lampascioni che si tiene a fine Marzo ad Acaya, frazione di Vernole (LE), nonché ispiratore della Confraternita del Pampascione.

 

Share This Post!

Read more
error: Contenuto protetto da copyright !!

Iscriviti alla newsletter per non perderti nessuna ricetta!

Iscriviti alla newsletter per non perderti nessuna ricetta!

Vuoi essere sempre informato sulle ultime novità relative alle mie ricette? Compila il form con il tuo nome ed email e sarai fra i primi a essere notificato sulle mie ricette :).