Lu Puddhricasciu

2016-03-22
  • Servings : Per 4 persone
Average Member Rating

(0 / 5)

0 5 0
Rate this recipe

0 people rated this recipe

Related Recipes:
  • Fave fritte - la cucina pugliese

    Fave fritte

  • Insalata di riso venere con pomodori, tonno e melanzane sott olio - la cucina pugliese

    Insalata di riso venere con pomodori, tonno e melanzane sott olio

  • Friselle con pomodorini e carciofini sott'olio - la cucina pugliese

    Friselle con pomodorini e carciofini sott’olio

  • Troccoli ai pomodori secchi - la cucina pugliese

    Troccoli ai pomodori secchi

  • Pasta al sugo di tonno e fagiolini - la cucina pugliese

    Pasta al sugo di tonno e fagiolini

Durante la festività Pasquale quante delizie possiamo trovare sulle nostre tavole..mille bontà di ogni genere e per ogni tradizione che si rispetti, nel Salento (ma anche in tutta la Puglia) non può di certo mancare LU PUDDHRICASCIU!

Lu Puddhricasciu (chiamato anche puddhrica, puddhicastri) non è un dolce, ma salato.

E’ una delle forme di pane tra le più saporite per me: lo si può mangiare tranquillamente senza nessun ingrediente di accompagnamento.

Questo pane con le uova, chiamato anche lu puddhricasciu cu l’oe, si offriva nei tempi antichi quando infatti nella vigilia di Pasqua finalmente si interrompeva il digiuno quaresimale, in cui era vietato consumare carne, uova e formaggio e ci si fiondava sulla prima proteina disponibile, quella dell’uovo, che si era preventivamente provveduto a incastonare nel pane, così da rendere piacevole e immediato il ritorno dall’inferno dell’astinenza proteica.4

Nel tempo, poi, le strade delle cuddhure (dal greco antico “kollura” che significa “corona” e in origine ne sottolineava la forma appunto a ciambella) si sono divise in due: quella salata, un pane arricchito di olio e pepe, e quella dolce, una frolla preparata con lievito chimico.

Le forme si sono diversificate in trecce, panieri, fiori, cuori, bamboline, galletti e tutto ciò che la fantasia pasquale suggerisce.

Come tutte le preparazioni della tradizione, ogni paese, famiglia, ha la sua propria versione.

Ma ecco a voi la ricetta! 🙂

Ingredients

  • 5/6 uova
  • 1 kg di farina
  • 200 ml di olio extravergine di oliva
  • 100 ml di anice
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • q.b cannella
  • 1 arancia
  • buccia di 1 limone
  • q.b sale
  • q.b pepe

Method

Step 1

Fate una fontana con la farina e mettete al centro il lievito con un po’ di acqua calda e il sale. Aggiungete l’olio, l’anice, la cannella, un’arancia (grattugiate la buccia e mettete anche il suo succo), una buccia di limone grattugiata, il pepe. Impastate con le mani fino a che tutto l’impasto si sia ben amalgamato.

Step 2

A parte, preparare le uova: lasciarle 2 o 3 minuti in acqua calda. Questo passaggio servirà affinchè le uova non si rompano una volta messe nel forno.

Step 3

A questo punto preparare lu puddhricasciu. Lavorate la pasta a mo’ di salame lungo, create una treccia e mettete due uova al centro. Le forme classiche dei puddhricasci sono due: o dando la forma di treccia oppure a cerchio, come in foto.

Step 4

Create le forme, lasciate lievitare per un paio d’ore, coprendole con delle coperte per tenerle al caldo. Quindi, infornateli e cuoceteli per tre quarti d’ora circa, come si farebbe con il pane.

Step 5

Cuocete anche a 200 gradi, tenete d’occhio però affinchè non si brucino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Read more
error: Contenuto protetto da copyright !!